La Roma-Viterbo non è una ferrovia per disabili. L’Atac, l’azienda per la mobilità capitolina, ha infatti installato, spendendo quasi un milione di euro, dei tornelli riciclati dalla Roma-Lido e dalla Metro B non più a norma perché – ironia della sorte – non permettono l’accesso ai portatori di handicap fisici. La vicenda è approdata in Tribunale grazie alla denuncia di Maria Cristina Abballe, madre di un bimbo in carrozzina che, per accompagnarlo a scuola, deve sopportare ogni giorno un vero e proprio calvario. “La legge parla chiaro – spiega Marianna Decollatore, legale della signora – questa è discriminazione indiretta, abbiamo chiesto l’abbattimento delle barriere architettoniche e un risarcimento danni”  di Luca Teolato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Matrimoni gay, Feltri: “Favorevole, tanto ormai non si sposa più nessuno”

prev
Articolo Successivo

Immigrazione: la Sicilia dei radar e degli schiavi

next