Si tratta di “autosimulazione” e l’invenzione è di Leandro Damiao, attaccante brasiliano del Santos, che ha messo in pratica un nuovo modo per ingannare l’arbitro nella partita del campionato carioca contro il Criciuma. Infatti, mentre correva nell’area avversaria per raggiungere la palla, ha iniziato a tirarsi la maglietta. L’arbitro non si è fatto ingannare, ma non ha nemmeno ammonito il calciatore del Santos per simulazione. La partita è terminata 3-0 per il Criciuma e Damiao ha poi dichiarato: “Stavo togliendo la maglietta dai pantaloni perché mi dava fastidio. Non ho mai tentato di ingannare l’arbitro”. Si attende ora la prova tv (collaborazione di Carlo Valentino)

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Volley 2014, Italia-Brasile: sogno infranto ma bene organizzazione e pubblico

next
Articolo Successivo

Alex Zanardi, un ‘extraterrestre’ nello spazio?

next