Non vogliono sentir parlare né di scuse né di perdono i familiari di V. il minore di 14 anni seviziato mercoledì pomeriggio in un autolavaggio nel quartiere di Pianura a Napoli. “Non voglio nemmeno che si presentino in ospedale“, sostiene Antonietta, la zia della vittima che ha preso parte al corteo che ha sfilato dalla rotonda Don Giustino Russolillo sino alla chiesa di San Giorgio, passando anche davanti al luogo dove è avvenuta la violenza. I familiari del ragazzo fermato con le accuse di tentato omicidio saranno ospiti in una trasmissione Rai per scusarsi dell’accaduto. Notizia questa che ha suscitato maggiormente la rabbia dei presenti. Il cosiddetto branco, nel corso dell’aggressione avrebbe anche ripreso con un telefonino tutto l’accaduto  di Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brebemi, attivisti NoExpo giocano a calcio sull’autostrada deserta

prev
Articolo Successivo

Pedofilia, il vescovo rimosso dal Papa: “Nella Chiesa possibile un grande scisma”

next