La crisi economica? Ha arricchito i tedeschi e impoverito gli italiani. È quanto emerge da uno studio di Julius Baer, la principale banca privata svizzera, sull’evoluzione del livello di ricchezza dei risparmiatori europei nel periodo che va dal 2007 al 2013. Ovvero da prima dello scoppio della tempesta sui mercati finanziari mondiali, che ha poi contagiato l’economia reale, ai giorni nostri. Dal rapporto emerge che nell’arco dei sei anni in Europa la ricchezza complessiva dei privati è cresciuta del 2,7%, passando da 54.000 a 56.000 miliardi di euro, un livello più alto di quello pre-crisi. Ma il quadro è tutt’altro che omogeneo. In Italia la ricchezza dei risparmiatori è infatti scesa del 7%, passando da 8.900 a 8.300 miliardi di euro (-622 miliardi), mentre in Germania è appunto cresciuta. E non di poco: è passata da 11.187 a 13.200 miliardi, con un incremento di 2.013 miliardi pari al 18%. 

Secondo lo studio il grosso della ricchezza europea è concentrato in quattro Paesi: Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia, che raccolgono in totale 40mila dei 56mila miliardi di euro di ricchezza complessiva. Nel Regno Unito la ricchezza, dai livelli pre-crisi, è diminuita del 2,1%, passando da 9.807 a 9.600 miliardi, mentre in Francia è salita dello 0,2%, passando da 9.478 a 9.500 miliardi. In Spagna e in Grecia la crisi si è fatta sentire in modo pesante. Gli spagnoli si sono impoveriti addirittura del 28%, perdendo 1.432 miliardi da un livello pre-crisi di 5.100 miliardi, mentre in Grecia l’impoverimento è stato del 23%.

Al contrario la Svizzera si è arricchita del 68%. Lo studio rivela anche che il 10% dei ricchi europei possiede oltre la metà della ricchezza del Vecchio Continente e l’1% dei super-ricchi possiede il 27% della ricchezza europea. Il grosso della concentrazione di ricchezza è calamitato da Germania e Austria, dove l’1% dei super-ricchi possiede rispettivamente il 35% e il 40% della ricchezza totale, contro il 21% dell’Italia e il 15% di Gran Bretagna, Grecia e Olanda.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tassa sui rifiuti, in quattro anni aumentata del 21,96%. 51 euro in più a famiglia

next
Articolo Successivo

Bce, anche la Francia contro il piano di acquisto di titoli voluto da Draghi

next