De Magistris è un uomo che in un qualunque Paese avrebbe avuto una medaglia”. Pochi giorni dopo la condanna di primo grado, il popolo arancione partenopeo si ricompatta attorno al suo sindaco di Napoli. Prima con un gruppo sui social network con tanto di ashtag, #iostoconluigi, poi con veri e propri incontri per organizzare mobilitazioni a sostegno del primo cittadino. “Un gruppo di cittadini hanno deciso di riunirsi in uno spazio aperto e supportare le iniziative che il sindaco vorrà fare per la città e la difesa della giustizia che in questi giorni sta affermando”, spiega Pino De Stasio, consigliere di Municipalità che ha ospitato finora due incontri nel suo bar, affollatissimo. Inutile dire che qui nessuno pensa che De Magistris debba dimettersi. “Sono preoccupato di quello che sta succedendo – dice Sandro – chi ha indagato adesso paga, mentre quelli che sono stati parte di un sistema criminale in Calabria adesso sono a piede libero”. Ma le parole di De Magistris sui magistrati non ricordano quelle di Berlusconi? “A una analisi molto superficiale sì, ma l’attacco di B. era a tutta la magistratura in quanto ordinamento dello Stato a lui contrario. Qui la critica va a una sentenza in particolare”. E la sua ostinazione non rischia di indebolire ulteriormente la città? “Assolutamente no, Napoli si indebolirebbe se gettasse la spugna: al momento lui è il baluardo della legalità e il baluardo contro certi poteri che hanno governato a Napoli per vent’anni”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pedofilia, stampa Usa: “Il vescovo di Kansas City indagato dal Vaticano”

prev
Articolo Successivo

Satira su preti pedofili, il parroco di Livorno contro il titolo del Vernacoliere

next