A poco meno di tre mesi dalla celebrazione della festa di Santa Lucia patrona di Siracusa, continua a far discutere in città la “Barbie” realizzata dai due artisti argentini Poor&Marianela, all’anagrafe Pool Paolini e Marianela Perelli, che rappresenta la martire aretusea.”Una provocazione inutile, sciocca, ed offensiva del sentimento di molte persone siracusane ad opera di artisti che non hanno nulla da dire”, spiega ai microfoni de ilfattoquotidiano.it l’avv. Giuseppe Piccione, Presidente della Deputazione della Cappella di Santa Lucia, che organizza la celebrazione della festa. “Una banalizzazione che non tiene conto della forza e della testimonianza della storia di Santa Lucia, una ragazza di 14 anni ricca e bella, che ha rinunciato a una vita piena di privilegi, subendo dei soprusi, per dare tutto ai poveri. Lucia – spiega – poteva essere una Barbie, ma ha rifiutato tutto per diventare una martire”. L’installazione artistica intitolata “Barbie, The Plastic Religion” sarà esposta dal prossimo 11 ottobre al “P.O.P.A.”, galleria d’arte contemporanea di Buenos Aires, oltre a quelle di Santa Lucia saranno presenti 32 modelli di Barbie e Ken adattati alle più importanti figure sacre della religione cattolica, dell’ebraismo e del buddhismo. “Più che plastificazione della religione parlerei di commercializzazione della religione. Purtroppo – ammette padre Rosario Lo Bello –, la colpa è anche nostra che banalizziamo la santità, come avviene per le immaginette presenti nei lumini. Dovremmo educare i fedeli a capire che qualsiasi rappresentazione della santità deve essere fatta con mezzi e modi opportuni”  di Saul Caia e Dario De Luca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sassano, l’accusa è omicidio volontario. Auto lanciata a 100 chilometri orari

prev
Articolo Successivo

Expo, Sala: “Sul cardo non c’è nulla”. Ma la responsabile Bracco nega i ritardi

next