L’Unione Europea aveva parlato di “enormi ritardi e, ora, sullo stato di avanzamento dei lavori del cardo e del decumano all’interno del cantiere Expo (i due assi che ripropongono la struttura urbanistica delle antiche città romane), la vicenda si complica. I pareri tra i massimi dirigenti dell’esposizione universale è opposta. “Sul cardo non c’è ancora nulla”, osserva il commissario unico di Expo 2015, Giuseppe Sala a margine dell’inaugurazione dei lavori del padiglione francese. Le immagini dall’alto del cantiere, confermano le preoccupazioni di Sala. Ma la responsabile diretta di Padiglione Italia (che comprende Palazzo Italia, gli edifici affacciati sul cardo e la scultura dell’albero della vita), Diana Bracco nega tutto: “Il cardo sta procedendo, anche secondo l’accordo con l’Anac”. Proprio il presidente dell’Anac Raffaele Cantone, una settimana fa era arrivato a Milano (dopo l’avviso di garanzia ad Antonio Acerbo) per fare il punto della situazione e assicurarsi che il bando per l’opera simbolo di Expo (l’albero della vita) seguisse la massima trasparenza   di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siracusa, Barbie Santa Lucia indigna i fedeli: ‘Provocazione inutile su una martire’

prev
Articolo Successivo

Catalogna, Corte Costituzionale sospende referendum. Accolto il ricorso di Madrid

next