“Ringrazio Putin e Obama, che sono tra i pochi che non sono intervenuti nella vicenda che oggi ha contraddistinto la giornata”. Alle 7 del mattino il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, interviene in Consiglio comunale per ringraziare l’aula dopo l’approvazione del bilancio di previsione al termine di una seduta fiume durata 22 ore. Un discorso lungo, in cui il primo cittadino, forse anche per stemperare la tensione, si lascia andare a qualche battuta: “Oltre al Comandante generale della Nato e al Santo Padre, mi pare che sulla vicenda che mi riguarda sono intervenuti tutti”. Si sente il suono di un cellulare, lui si gira: “Che è? Ah, è la sveglia! Appena ho citato il Comandante generale della Nato è suonata la sveglia”. Poi riprende a parlare: “Mi chiedo: ma se faccio così pena, perché tutto questo interesse? Se siamo così insignificanti, così ultimi, così scadenti come ci descrivono anche in questi giorni sui giornali, perché tutta questa attenzione? Vuoi vedere che è perché qualcosa in questa città la stiamo cambiando, dando la forza dei sogni a chi aveva perso anche la voglia di sognare?”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Renzi torna dagli Usa, diario di bordo dall’aereo: “Marchionne? Ha salvato la Fiat”

prev
Articolo Successivo

Fideismo politico ed estremismi religiosi, dov’è finita la ragione?

next