Depenalizzare le relazioni consensuali tra fratelli adulti. E’ questa la proposta choc del Consiglio Etico tedesco – Deutsche Ethikrat-  l’organismo nominato dal governo federale che ha il compito di fornire il proprio parere su decisioni che investono delicate questioni etiche. 
Considerare l’incesto un reato, si legge nel documento di 80 pagine approvato oggi “è un mezzo inappropriato per salvaguardare un tabù sociale“.

In concreto, il Consiglio raccomanda la revisione dell’articolo del codice penale nella parte in cui tratta delle relazioni sessuali consensuali tra fratelli di età superiore ai 18 anni affermando che “Non è compito del diritto penale applicare standard morali o porre limiti alle relazioni sessuali tra cittadini adulti ma di difendere i singoli dai danni e da gravi disturbi, e proteggere l’ordine sociale della comunità”. La richiesta della Deutsche Ethikrat alle istituzioni è quella di cancellare il paragrafo che punisce l’incesto con una multa o fino a due anni di carcere. 

La proposta è stata approvata dalla maggioranza dei membri, 26 in tutto, con 14 sì e due astenuti. Il Consiglio, fondato nel 2007, è composto da esperti in materie scientifiche, mediche, teologiche, filosofiche, etiche, sociali, economiche e legali.

La presa di posizione del Consiglio e il dibattito intorno al tema dell’incesto in Germania sono stati promossi dal caso di un uomo che ha avuto quattro figli dalla sorella. Nato nel 1976 e adottato all’età di sette anni, aveva potuto incontrare per la prima volta la sorella nel 2000, quando entrambe erano adulti.
I due avevano avuto una relazione e diversi anni di convivenza a Lipsia. Condannato più volte per la relazione, l’uomo ha trascorso un totale di tre anni in carcere. I due si sono separati, ma lui ha continuato a contestare le condanne anche davanti alla Corte Europea dei diritti dell’uomo, che nel 2012 ha dato ragione alla Giustizia tedesca.

Se la riforma fosse portata a termine, avvicinerebbe la posizione tedesca a quella di Spagna, Belgio, Olanda, Portogallo e Lussemburgo i cui ordinamenti penali puniscono le relazioni tra consanguinei solo se il maggiorenne ha una relazione con un membro della famiglia minorenne.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni Brasile 2014: l’elettorato invisibile

prev
Articolo Successivo

L’Isis e la confusione delle coalizioni: il nemico del mio nemico è mio amico

next