Unicredit Leasing cartolarizza crediti per 1,3 miliardi di euro. La società dell’istituto guidato da Federico Ghizzoni ha cioè emesso titoli per quell’ammontare utilizzando come garanzia contratti di leasing. Le nuove risorse, spiega una nota, andranno a sostegno delle piccole e medie imprese italiane. Si tratta della tredicesima operazione di cartolarizzazione di leasing (incluse quelle effettuate dalla ex Fineco Leasing, incorporata da Unicredit) e della nona di questo tipo collocata presso investitori istituzionali, ma è la prima sul mercato italiano delle Abs dall’inizio della crisi. L’operazione, sottolinea Unicredit, riguarda crediti performing, cioè non in sofferenza, originati da canoni di leasing ceduti alla società veicolo Locat SV Srl e vede il coinvolgimento della Banca europea degli investimenti, di Kfw (l’omologo tedesco di Cassa depositi e prestiti) e di Société Générale come investitori e del Fondo europeo degli investimenti (Fei) come garante della Classe A1 senior acquistata da Kfw.

La misura si inquadra nelle iniziative che la Bei e il suo fondo Fei hanno lanciato a sostegno delle piccole e medie imprese italiane. Infatti le risorse ottenute recita la nota della banca, “verranno utilizzate da Unicredit Leasing per ulteriori finanziamenti alle pmi a condizioni agevolate”. A strutturare l’operazione è stata Unicredit Bank AG con l’assistenza legale di Clifford Chance. I titoli, con scadenza legale dicembre 2036, saranno quotati presso l’Irish Stock Exchange

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, Unimpresa: “Cinque famiglie su sette fanno la spesa al discount”

prev
Articolo Successivo

Ucraina, Ue: “Martedì ultimo giorno per chiedere aiuti per l’ammasso di formaggi”

next