4 milioni di ordini in 24 ore: ecco i numeri di iPhone 6 e iPhone 6 plus, i nuovi nati in casa Apple. I nuovi modelli si potevano pre-ordinare negli Stati Uniti dal 12 settembre  e dal 19 settembre saranno disponibili nei negozi americani e in Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Puerto Rico, Singapore e Regno Unito. L’Italia dovrà aspettare fino al 26 settembre, insieme ad altri diciannove Paesi per arrivare a 115 Stati entro la fine dell’anno. 

I due modelli di iPhone 6 sono disponibili in oro, argento o grigio spazio, e negli Stati Uniti si possono acquistare per un prezzo al dettaglio suggerito di 199 dollari per il modello da 16GB, 299 dollari per il modello da 64GB e, per la prima volta, un nuovo modello da 128GB per 399 dollari con un contratto di due anni. Stessi colori per l’iPhone 6 Plus, disponibile negli Stati Uniti con un prezzo al dettaglio suggerito di 299 dollari per il modello da 16GB, 399 dollari per il modello da 64GB e 499 dollari per il nuovo modello da 128GB con un contratto di due anni.  iOS 8, il nuovo sistema operativo, sarà disponibile per i modelli precedenti di iPhone a partire dal 17 settembre.

Il record di ordini per i nuovi iPhone ha fatto salire i titoli di Apple dello 0,50% a 102.17 dollari, la Apple è in controtendenza rispetto ai listini americani che procedono deboli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ebook: se l’Europa fa Ponzio Pilato

prev
Articolo Successivo

Tecnologie: steampunk, i nuovi padroni del vapore

next