I militanti islamici pachistani che tentarono di uccidere Malala Yousafzai e le sue due amiche Kianat e Shazia nella Valle dello Swat sono stati arrestati. Lo ha annunciato il direttore generale dell’ufficio stampa dell’esercito (Ispr), generale Asim Saleem Bajwa. I dieci militanti appartengono ad un gruppo affiliato al Tehrek-e-Taliban Pakistan(TTP). Il generale Bajwa, riferiscono i media a Islamabad, ha precisato che i dieci, appartenenti ad un gruppo denominato ‘Shurà, saranno immediatamente tradotti davanti ad un tribunale antiterrorismo per essere accusati dell’attacco avvenuto il 9 ottobre 2012.

Quel giorno due militanti si avvicinarono al minibus su cui viaggiava Malala, che pur adolescente si batteva apertamente per il diritto allo studio delle bambine pachistane, la chiamarono per nome per identificarla e subito dopo le spararono a bruciapelo deturpandole il viso. Si è appreso che i membri del gruppo avevano in via di perfezionamento attentati per attentati contro almeno altre 22 importanti personalità nella Valle dello Swat.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Isis e la lezione di Bonino e Quirico. Tutti i salmi finiscono in gloria

prev
Articolo Successivo

Edwin Chota, ucciso l’attivista peruviano che difendeva la Foresta Amazzonica

next