I militanti islamici pachistani che tentarono di uccidere Malala Yousafzai e le sue due amiche Kianat e Shazia nella Valle dello Swat sono stati arrestati. Lo ha annunciato il direttore generale dell’ufficio stampa dell’esercito (Ispr), generale Asim Saleem Bajwa. I dieci militanti appartengono ad un gruppo affiliato al Tehrek-e-Taliban Pakistan(TTP). Il generale Bajwa, riferiscono i media a Islamabad, ha precisato che i dieci, appartenenti ad un gruppo denominato ‘Shurà, saranno immediatamente tradotti davanti ad un tribunale antiterrorismo per essere accusati dell’attacco avvenuto il 9 ottobre 2012.

Quel giorno due militanti si avvicinarono al minibus su cui viaggiava Malala, che pur adolescente si batteva apertamente per il diritto allo studio delle bambine pachistane, la chiamarono per nome per identificarla e subito dopo le spararono a bruciapelo deturpandole il viso. Si è appreso che i membri del gruppo avevano in via di perfezionamento attentati per attentati contro almeno altre 22 importanti personalità nella Valle dello Swat.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Isis e la lezione di Bonino e Quirico. Tutti i salmi finiscono in gloria

next
Articolo Successivo

Edwin Chota, ucciso l’attivista peruviano che difendeva la Foresta Amazzonica

next