Sarà discusso e votato in aula il 30 settembre, il testo uscito dalla commissione sanità di Regione Lombardia sulle responsabilità dell’ente guidato da Roberto Maroni nel caso Stamina. “Chiederemo provvedimenti disciplinari per alcuni medici dell’ospedale di Brescia”, spiega Umberto Ambrosoli. “Anche Regione Lombardia ha le sue colpe, ma è il ministero che dovrebbe intervenire – spiega Fabio Rizzi (Lega Nord) – Lasciamo ora alla magistratura svolgere il compito che le è proprio”. Il Movimento 5 Stelle non ha votato a favore del testo presentato perché ritenuto “incompleto”. L’indagine, sollecitata dal gruppo del Pd, aveva preso il via in Commissione lo scorso 26 febbraio. Le infusione agli Spedali Civili restano bloccate: lunedì 15 settembre è stata fissata l’udienza al tribunale del riesame di Torino per discutere la richiesta di dissequestro di cellule e macchinari usate per il trattamento Stamina a Brescia  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, petizione del figlio del capitano su Change.org: già 6mila firme

prev
Articolo Successivo

Ciro Esposito, la perizia: “De Santis ha sparato quando era già a terra ferito”

next