A Villa d’Este, a Cernobbio, si è aperto l’appuntamento con il Workshop Ambrosetti, il seminario di approfondimento sugli scenari geopolitici, economici, tecnologici e sociali che ogni anno si tiene sulle rive del lago di Como. Il grande assente, alla quarantesima edizione, è il premier Matteo Renzi, che dopo le recenti e ripetute critiche ai “salotti buoni” del capitalismo italiano ha fatto sapere che non parteciperà. A rappresentare Palazzo Chigi c’è in compenso una nutrita squadra di ministri: dal responsabile dell’Economia Pier Carlo Padoan a quello degli Interni Angelino Alfano passando per Marianna Madia (Pubblica amministrazione), Maria Elena Boschi (Riforme costituzionali), Federica Guidi (Sviluppo), Beatrice Lorenzin (Salute), Maurizio Lupi (Trasporti) e Giuliano Poletti (Lavoro), che arriveranno in parte sabato sera e interverranno poi ai lavori domenicali. Tra i politici italiani anche il leader della Lega Matteo Salvini e, per il secondo anno, il cofondatore del Movimento 5 Stelle Gianroberto Casaleggio

Attesi anche molti rappresentanti della Commissione europea uscente, a partire dal presidente José Manuel Barroso e dai commissari Michel BarnierJoaquìn Almunia e Jyrki Katainen, il finlandese rigorista gradito ad Angela Merkel, tra i papabili per la nuova Commissione guidata da Jean-Claude Juncker. Presente pure la Bce, non nella persona del presidente Mario Draghi ma con Peter Praet, membro dell’esecutivo dell’Eurotower. Non mancherà nemmeno il predecessore di Draghi, Jean-Claude Trichet. Per il governo tedesco parteciperà il ministro del Lavoro Joerg Asmussen. In lista anche il ministro dell’Economia spagnolo Luis de Guindos, che la cancelliera vorrebbe come presidente dell’Eurogruppo, e Alexis Tsipras, presidente di Syriza e candidato per il partito della sinistra europea alla presidenza della Commissione Ue nelle scorse elezioni. 

Parteciperà ai lavori, per la prima volta, anche l’amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne. Torneranno come ogni anno molti banchieri: Federico Ghizzoni, ad di Unicredit, Carlo Messina, numero uno di Intesa Sanpaolo, il presidente del Consiglio di sorveglianza dell’istituto Gian Maria Gros-Pietro e il direttore generale Gaetano Micciché. Ma anche Jacob Frenkel, presidente di Jp Morgan Chase, e Peter Sutherland, presidente non esecutivo di Goldman Sachs International.

La prima edizione, nel 1975, ebbe solo tre relatori: l’economista e politico Beniamino Andreatta, il sociologo Francesco Alberoni e lo scienziato Umberto Colombo.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat, richieste di recesso per 463 milioni. Fusione con Chrysler procede

next
Articolo Successivo

Ilva, accordo fatto sul prestito-ponte. Ma solo per 250 milioni su 650 richiesti

next