Su ilfattoquotidiano.it ecco lo streaming dell’intero album di Sinead O’Connor “I’m Not Bossy, I’m The Boss”, che uscirà in Italia il 26 agosto per l’etichetta Nettwerk. “Take Me To Church” è il singolo che ha anticipato l’uscita dell’ultimo lavoro in studio della cantautrice irlandese e bastano una manciata di versi per rimarcare nuovamente il punto di vista della O’Connor rispetto all’istituzione ecclesiastica: “Take me to the church but not the ones that hurt, because that ain’t the truth” (Portami in chiesa ma non in quella che fa male, perché quella non è la verità).

Recentemente non sono mancate nemmeno dichiarazioni negative rispetto all’atteggiamento tenuto dai media in occasione della morte dell’attore Robin Williams al quale la cantante – durante la sua ultima data londinese ­ ha dedicato “I Am Stretched Upon Your Grave” e “Eight Good Reason”, quest’ultima tratta dal suo ultimo disco. “I’m Not Bossy, I’m The Boss” è un concentrato di canzoni d’amore intrise della tipica vulnerabilità dell’autrice che ormai vanta una carriera trentennale ­dove non sono mancate collaborazioni importanti: da Peter Gabriel ai Massive Attack, fino ad arrivare a quella recente con John Grant – caratterizzata da un successo iniziale raggiunto anche grazie alle hit “Mandinka” (1987) e la cover “Nothing Compares 2 U” (1990).

Tracklist

1. How About I Be Me
2. Dense Water Deeper Down
3. Kisses Like Mine
4. Your Green Jacket
5. The Vishnu Room
6. The Voice Of My Doctor
7. Harbour
8. James Brown
9. 8 Good Reasons
10. Take Me To Church
11. Where Have you Been?
12. Streetcars

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Musica, sesso e rivoluzione nelle 50 storie di ‘Sexy Rock’

prev
Articolo Successivo

Estate 2014: che strano, siamo orfani del ‘tormentone’

next