Non c’è una gran folla alla venticinquesima edizione della festa della Lega Nord ad Alzano Lombardo, e sul palco è tempo di bilanci per i big del partito. “Nella Lega bisognava darsi da fare molto di più per ottenere qualcosa da Roma”, dice Umberto Bossi, che sostiene di non essere preoccupato per il processo che potrebbe aprirsi a ottobre. Roberto Calderoli rispolvera gli slogan leghisti, rivolgendosi anche al Papa: “Si tenga i profughi nel Vaticano, invece di mandarli qui”. E poi sulla riforma del Senato (pur essendo tra i relatori del testo) dice: “Siamo passati da una bella merda” arrivata all’inizio “a una merdina, ma sempre di merda si tratta”  di Francesca Martelli

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cl, perché quest’anno non ignoriamo il Meeting a Rimini?

next
Articolo Successivo

Linea dura di Salvini: “Fuori chi contesta”. E a Renzi: “Che c.. è una vacanza attiva?”

next