C’è una cosa peggiore della crisi economica? Io penso di sì. È la paura che ci chiude entro le case ad aspettare il nulla. È lei che accende il telecomando e ci incatena di fronte alla TV e ci trasforma in spettatori delle vite degli altri. Di quelli che a Ferragosto, loro sì che si divertono, e invece noi…

Perché ci sono tante cose che si possono fare senza spendere nulla. La prima è uscire da casa, la seconda è cercare un luogo particolare dove passare qualche ora in uno spazio che favorisce l’incontro tra le persone.

Per esempio ce n’è uno dove io ritorno ogni anno a Ferragosto. È a pochi chilometri da dove abito, dalla parte opposta alla spiagge stracolme della Romagna:  è uno di quei posti dove succedono i miracoli. Perché quando le persone si incontrano e cominciano a parlarsi se non è un miracolo è almeno una favola. Non è il paese di Biancaneve e i sette nani, se cerchi su google map esiste davvero e si chiama Casola Valsenio, una piccola località immersa nel verde dell’Appennino tosco-romagnolo.

In apparenza nei giorni di Ferragosto a Casola si svolge un festival di strada, ma in realtà è uno spazio dove gli spettacoli diventano l’occasione per incontrarsi tra spettatori e protagonisti durante un evento che dura dal venerdì alla domenica.

Il piatto è ricco, ma quel che c’è di più importante non sono gli spettacoli – bellissimi – ma l’atmosfera che si crea grazie a essi. Sarà per questo che ci torno e ci ritorno.

Perché a Casola ogni anno le favole diventano reali; e si incontrano gli occhi. E magari un sorriso.
Tutte cose che i soldi non possono comprare.

Ci vediamo lì!

Ps. Il programma completo degli eventi si trova qui: www.teatrodeldrago.it ma il momento imperdibile è quello della notte di Ferragosto quando il Teatro Potlach coinvolgerà tutto il paese in una parata memorabile (giovedì 14 alle 21).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Livorno, tintarella sotto al ponte dell’Aurelia che perde pezzi sulla spiaggia

prev
Articolo Successivo

Libano, militare italiano trovato morto in base Unifil. Ipotesi incidente o suicidio

next