“Il prossimo problema della Bce, salvare l’Italia”. E’ il titolo di un’analisi del Guardian pubblicata il giorno dopo la diffusione dei dati Istat sul Pil italiano, che evidenziano come il Paese sia tornato in recessione. Il quotidiano cita un report di Fathom Consulting, società guidata dall’ex economista della Banca d’Inghilterra Danny Gabay, secondo cui Roma potrebbe essere un altro ‘cigno nero’ per l’Europa. Il cigno nero, dal titolo di un saggio dell’ex trader Nassim Nicholas Taleb, è un evento inaspettato e imprevedibile ma con un impatto enorme sul corso degli eventi politici ed economici. Un esempio? La crisi finanziaria del 2008. L’Italia “ha già flirtato con il disastro ma poi si è sempre ritratta”, scrive il giornale, convinto che “senza un salvataggio della Bce, nella forma di un quantitative easing su larga scala”, forse un’esplosione del debito sarebbe “inevitabile”, probabilmente l’anno prossimo. E secondo il Guardian il presidente dell’Eurotower Mario Draghi ritiene che l’Italia sia “uno dei bambini d’Europa” e che debba essere “bacchettato” perché “ogni “mancia” o allentamento dei duri vincoli di bilancio sarà speso da Roma per comprare caramelle e bibite zuccherate”. Una diagnosi che appare quanto mai azzeccata alla luce delle dichiarazioni del governatore sulla necessità che gli Stati “cedano sovranità all’Europa” anche sulle riforme strutturaliPeraltro, continua il Guardian, Draghi non è il solo a pensarla così: a fargli compagnia ci sono le elìte di Bruxelles, della Germania e dell’Olanda.
A rafforzare l’idea che il governatore veda Roma come un bambino indisciplinato contribuisce un’altra frase di Draghi, che rispondendo alla domanda di un giornalista ha confermato che passerà sì le vacanze in Italia, ma “non per partecipare alla ripresa del Paese”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Banche, per Bank of America in arrivo multa da 16 miliardi di dollari

prev
Articolo Successivo

Zucchi, 11 milioni di rosso. Kpmg non certifica il bilancio dell’azienda di Buffon

next