Un teschio è stato trovato sul relitto della Costa Concordia. Del ritrovamento i vigili del fuoco hanno informato il magistrato di turno della procura di Genova, Federico Manotti, che ha disposto il sequestro dei resti per individuare il dna e stabilire a chi appartiene. La zona del ritrovamento è il ponte 3, dettaglio che mette dei dubbi sul fatto che il teschio possa appartenere a Russel Rebello, il cameriere indiano il cui corpo è disperso, visto che in quella zona era stato trovato il corpo di una donna mutilata, Maria Grazia Trecarichi. “A breve inizieranno le attività di repertazione e le analisi, il cui esito si attende per i prossimi giorni”, spiega in una nota la Struttura del commissario delegato . “Sono stati informati i familiari di Russel Rebello e di Maria Grazia Trecarichi, poiché non si può escludere che i resti possano appartenere a lei”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Schettino a La Sapienza e il comunicato esagerato del Magnifico Rettore

prev
Articolo Successivo

La Sapienza oltre Schettino

next