Microsoft ha annunciato oggi il suo piano di maxi-ristrutturazione con tagli fino a 18mila posti lavoro. Il colosso del software ha reso noto il piano di semplificazione delle proprie attività e di riallineamento della strategia alla luce della recente acquisizione di Nokia ‘Devices and Services’. Il primo passo è tagliare il surplus: almeno 12.500 posti di lavoro verranno eliminati per via delle sinergie con Nokia, ma il numero dei licenziamenti potrebbe arrivare a 18 mila prima del termine dei lavori. Con una nota, l’azienda americana ha fatto sapere che la prima tornata di licenziamenti riguarderà specializzati e personale di fabbrica. Lo scorso aprile, quando la divisione finlandese è entrata nel gruppo Microsoft, il numero degli impiegati è salito a 127mila, a fronte dei 99mila del 2013. I provvedimenti dovrebbero essere avviati entro il prossimo 31 dicembre e completati entro il 30 giugno 2015.

La riduzione del personale costerà a Microsoft oneri ante imposte fra 1,1 e 1,6 miliardi di dollari nel periodo di interesse delle operazioni di alleggerimento. Nei prossimi tre trimestri l’impero d’informatica fondato da Bill Gates prevede di spendere tra 750 e 800 milioni per costi di fine rapporto (tfr da pagare ai lavoratori licenziati) e una cifra compresa tra 350 e 800 milioni per oneri patrimoniali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon, “tariffa flat per l’e-book Kindle con numero illimitato di libri”

prev
Articolo Successivo

Sicurezza, il report: “Quasi 900mila app clonate. ‘Pericolo’ Android e Google Play”

next