Microsoft ha annunciato oggi il suo piano di maxi-ristrutturazione con tagli fino a 18mila posti lavoro. Il colosso del software ha reso noto il piano di semplificazione delle proprie attività e di riallineamento della strategia alla luce della recente acquisizione di Nokia ‘Devices and Services’. Il primo passo è tagliare il surplus: almeno 12.500 posti di lavoro verranno eliminati per via delle sinergie con Nokia, ma il numero dei licenziamenti potrebbe arrivare a 18 mila prima del termine dei lavori. Con una nota, l’azienda americana ha fatto sapere che la prima tornata di licenziamenti riguarderà specializzati e personale di fabbrica. Lo scorso aprile, quando la divisione finlandese è entrata nel gruppo Microsoft, il numero degli impiegati è salito a 127mila, a fronte dei 99mila del 2013. I provvedimenti dovrebbero essere avviati entro il prossimo 31 dicembre e completati entro il 30 giugno 2015.

La riduzione del personale costerà a Microsoft oneri ante imposte fra 1,1 e 1,6 miliardi di dollari nel periodo di interesse delle operazioni di alleggerimento. Nei prossimi tre trimestri l’impero d’informatica fondato da Bill Gates prevede di spendere tra 750 e 800 milioni per costi di fine rapporto (tfr da pagare ai lavoratori licenziati) e una cifra compresa tra 350 e 800 milioni per oneri patrimoniali.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon, “tariffa flat per l’e-book Kindle con numero illimitato di libri”

next
Articolo Successivo

Sicurezza, il report: “Quasi 900mila app clonate. ‘Pericolo’ Android e Google Play”

next