“Prandelli? Su Balotelli è stato poco elegante”. Lo dice l’amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, che torna così sulle polemiche scatenate dalla conferenza stampa dell’ex ct durante la presentazione al Galatasaray, che aveva dichiarato: “Mario Balotelli ha grandi colpi ma non è un campione”.

“Polemizzare con le persone non serve a nulla –  ha osservato Galliani – ognuno trae le proprie conclusioni e i propri giudizi e lo facciamo anche noi. Diciamo che non è stato elegantissimo il nostro ex ct, tutto qua”. Ma l’ad del Milan non perde l’occasione per parlare della panchina rossonera. “Siamo sicuri che con Filippo Inzaghi alla guida il Milan torni a competere ad altissimo livello”. Così Galliani introducendo in conferenza stampa il neo allenatore. “Bisogna guardare avanti, dobbiamo assolutamente arricchire il nostro palmares per tenere il passo con gli anni precedenti”, ha spiegato il dirigente rossonero.

“Ecco perchè abbiamo scelto Filippo Inzaghi, giocatore e persona straordinaria. La sua passione maniacale per il calcio lo ha portato ad essere il giocatore italiano con più gol nelle competizioni europee. Da allenatore delle giovanili ha fatto bene ed è stato molto amato dal gruppo”. “In raduno ho percepito l’aura di Milanello, ho visto un ambiente coeso attorno a Pippo”, ha aggiunto Galliani spiegando di aver percepito “un’aria molto positiva”.

Lo speciale mondiali de ilfattoquotidiano.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, il Cristo di Rio sarà illuminato via Twitter

prev
Articolo Successivo

Mondiali, da Diego Della Valle veleno contro Prandelli: “Scappare è nel suo dna”

next