“E’ giusto che ci venga data questa possibilità”, “un grande passo in avanti”, “ma bisogna ancora fare tanta strada”. La comunità LGBT di Napoli, riunita oggi in città per l’Onda Pride, accoglie con favore l’iniziativa annunciata nei giorni scorsi dal sindaco Luigi de Magistris: a Napoli potranno essere registrati all’anagrafe i matrimoni contratti all’estero tra persone dello stesso sesso. “Avrà degli effetti concreti – dice il primo cittadino – si potrà, tra l’altro, partecipare alle graduatorie per i servizi sociali o per gli alloggi popolari. Quindi avrà delle ricadute immediate”. Eppure, la strada per il riconoscimento pieno dei diritti della comunità LGBT è ancora lunga, come ammette Lia, all’anagrafe Ottavio: “Vorrei che il nome Lia sia sui documenti. Fin quando esisterà il Pride non ci saranno pieni diritti per noi”  di Andrea Postiglione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gay Pride, quando lo sport frena l’orgoglio

prev
Articolo Successivo

Gay Pride: i moti di Stonewall compiono 45 anni

next