Nuovi dettagli sullo “show” di Giovanni Berneschi in Procura. Stando a quanto ricostruito dai giornali del mattino, venerdì l’ex presidente di banca Carige agli arresti con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla truffa e riciclaggio, prima di entrare nella stanza dei pm Nicola Piacente e Silvio Franz che lo aspettavano per interrogarlo, ha chiaramente alluso ai suoi legami pericolosi con parte della magistratura ligure. “Se parlo io… Sai quanti finiscono in manette? Il palazzo… Questo palazzo deve tremare”, ha detto. 

Due parole anche per il figlio Alberto che nei giorni scorsi gli aveva dato del pazzo e del ladro. “Mio figlio cosa pensa di fare? Pensa di fregarmi?”, ha detto ridendo. Poi una lamentela: “Mi hanno preso la pensione. Quella è roba mia, ne ho diritto…Ora se apro quel capitolo, sono cazzi”, anche se i magistrati hanno chiarito che non c’è stato nessun sequestro. Con loro, invece, il tema dell’ex banchiere è stato il denaro (22 milioni di euro) nascosto in Svizzera“I soldi? Una vita di risparmi. Ho sempre vissuto come un impiegato, ho vissuto come un francescano”.

L’interrogatorio non è terminato, è stato sospeso per proseguire martedì prossimo. La linea difensiva dell’ex padre padrone dell’istituto di credito ligure, in ogni caso, è chiara: nessuna truffa ai danni della Carige e nessun riciclaggio. I soldi fatti rientrare in Italia sarebbero stati portati oltre confine nel 1993, prima dunque delle presunte operazioni contestate dalla Procura. E quindi quei soldi non sarebbero delle plusvalenze illecite, ma interessi maturati.

Ma secondo l’accusa la realtà sarebbe ben altra: l’organizzazione faceva acquistare da Carige Vita Nuova, società e complessi immobiliari anche in Svizzera sovrastimati per ricavarne un profitto. I patrimoni venivano riciclati attraverso lo schermo di società finanziarie italiane e straniere e trasferiti in territorio elvetico. I fatti sarebbero avvenuti tra il 2006 e il 2009.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta Mose: adattiamo la giustizia alla corruzione dei colletti bianchi

next
Articolo Successivo

Camorra, l’ex boss dei Casalesi Antonio Iovine: “Erano gli imprenditori a cercarci”

next