Il Servizio sanitario nazionale è sempre più vecchio e non fra molto non ci saranno abbastanza dottori in attività. E’ quello che pensano gli appartenenti alla Sigm, Associazione italiana giovani medici, che hanno inscenato varie azioni in tutta Italia per attirare l’attenzione sulla necessità di un maggior numero di borse di specializzazione e sul problema del precariato, che ormai caratterizza il mondo della sanità. Valige pronte da un lato e pazienti da curare che rimangono invece esanimi a terra senza soccorso sono le scene rappresentate attraverso il flash che a Roma è stato organizzato in piazza Montecitorio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Perù, due alpinisti italiani dispersi da tre giorni sulle Ande

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, blitz contro cosca Crea in provincia di Reggio Calabria: 16 arresti

next