“La Cavallerizza non si svende, la città se la riprende”, si legge su un grande striscione all’ingresso di quelle che sono state le stalle del Palazzo Reale di Torino. Negli anni la Cavallerizza è diventata un complesso abitativo, ad affitto agevolato per dipendenti pubblici, a cui si sono aggiunti due spazi del Teatro Stabile e un grande giardino. Nel 2010 lo sgombero degli ultimi residenti e i piani di valorizzazione mai attuati. Infine la scelta di trasformare l’area in un’attività redditizia. Tra le opzioni considerate: albergo, ristoranti, centro commerciale e appartamenti di lusso. Un’assemblea di cittadini, venerdì scorso, decide di riaprire gli spazi a tutti. Un fitto programma di attività culturali animano le giornate, protagonista il teatro con laboratori quotidiani e diverse compagnie coinvolte. Per gli artisti l’occupazione della Cavallerizza serve a bloccare una speculazione edilizia: “vogliamo una terza via che non sia né pubblico né privato, vogliamo che i cittadini conoscano e vivano questo posto” di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Camorra, pentito Iovine: “I Casalesi fecero affari nella gestione dell’emergenza rifiuti”

prev
Articolo Successivo

Immigrati, nuovi sbarchi in Sicilia. Soccorse quasi 3mila persone

next