Che ci fossero sospetti di combine era trapelato alla vigilia della partita persino sulle pagine dei quotidiani inglesi. La National Crime Agency aveva infatti contattato la Federcalcio scozzese per avvisarla che, ancor prima di scendere in campo, le squadre erano sotto inchiesta nell’ambito di una più complessa indagine sulle partite di qualificazione e sulle amichevoli premondiali e sul torneo di Brasile 2014: una Coppa del Mondo in cui l’allarme calcioscommesse è ai massimi livelli. Nonostante ciò, quando mercoledì sera Scozia (non qualificata) e Nigeria (inserita nel girone H con Argentina, Bosnia e Iran) si sono affrontate al Craven Cottage di Londra, è successo l’incredibile. Il clamoroso tentativo di autogol del portiere nigeriano Augustin Ejide avviene sull’1-0 per gli scozzesi, ma è bloccato dall’arbitro per un fallo in area. Il pareggio è arrivato grazie a una deviazione scozzese sul tiro del nigeriano Uchebe, mentre il 2-1 della Scozia arriva su un autogol abbastanza assurdo del nigeriano Egwuekwe. La partita è terminata 2-2. Le immagini sono qui, ognuno si faccia la sua idea  di Luca Pisapia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014: vince il Brasile e l’Italia va fuori ai quarti. Parola di Goldman Sachs

prev
Articolo Successivo

Giro d’Italia 2014, da Belluno a Rifugio Panarotta vince Arredondo

next