Dopo i Ligresti, il Codacons chiede il conto anche alla Unipol delle Coop. “La Procura della Repubblica di Milano ha attivato un nuovo troncone di indagini legato alla vicenda Fondiaria-Unipol che vede indagati l’amministratore delegato di Unipol Sai Carlo Cimbri ed altri dirigenti Premafin e Milano Assicurazioni. Il Codacons, già intervenuto nel procedimento penale di Torino a carico dell’ex patron di Sai Fondiaria, si costituirà parte offesa come associazione a tutela dei risparmiatori ed interverrà anche per ogni singolo azionista ed ex azionista che ne farà richiesta nel procedimento che ha portato alla perquisizione della sede di Bologna di Unipol Sai”. E’ quanto si legge in una nota del Codacons.

“Il reato contestato è quello di aggiotaggio, che avrebbe portato all’alterazione dei valori di concambio delle azioni al momento della fusione delle società: secondo il pm Dott. Orsi che sta conducendo le indagini, infatti, i concambi tra le società sarebbero stati valutati in modo erroneo e artificioso, e da questo sarebbero derivate significative alterazioni dei prezzi delle azioni e riflessi sul ‘peso degli azionisti nella nuova società UnipolSai”, continua la nota. “Gli inquirenti stanno puntando i fari anche sulle ipotesi di manipolazione del mercato continuativa, in relazione alla fusione con l’ex galassia Ligresti, e false comunicazioni relative al bilancio. Tutti gli azionisti ed ex azionisti Unipol Sai che hanno subito un danno patrimoniale per la perdita di valore delle loro azioni possono con il Codacons costituirsi persona offesa nel procedimento penale, e chiedere attraverso l’associazione il rimborso dei soldi investiti ed il risarcimento per il danno morale subito fino a 10mila euro ad investitore: per ogni informazione si può andare sul sito www.codacons.it”, conclude la nota.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Proto ci riprova, dopo le truffe del fondatore, la società torna a puntare l’editoria

prev
Articolo Successivo

Unipol-Sai, 45 i computer sequestrati in Consob. E la Procura rifà i conti di Bologna

next