La scelta di Matteo Renzi di dimettersi dalla società di famiglia, seguendo una precisa richiesta del Fatto, è una notizia. In un paese normale, il compito della stampa libera non è quello di titolare in prima pagina: “Bisogna votare Renzi”, ma quello di raccontare ai lettori i lati meno luminosi della carriera di un politico.

Il Fatto ha cercato di svolgere questo compito nonostante il disinteresse dei grandi quotidiani. Siamo abituati e ormai anche un po’ affezionati a questa solitudine. Non è questa la notizia. La vera novità è che il presidente del Consiglio ha accettato di rendere conto. Prima si è sottoposto alle nostre domande, poi ha letto i nostri pezzi e infine, dopo una riflessione in famiglia con il padre Tiziano, ha accolto la nostra richiesta di dimissioni. Renzi ha detto nell’intervista pubblicata integralmente sul nostro sito: “Ho fatto una cosa che mi costa, anche se è solo un atto di attenzione, perché non è un fatto giudiziario”.

Vero. Renzi ha rinunciato a un vantaggio economico che, pur non essendo illecito, era ingiusto. Il premier aveva sfruttato dal 2004 al 2014 una norma che permette a un politico locale di farsi assumere dall’azienda di famiglia poco prima della candidatura, per poi ottenere i contributi pensionistici. Grazie ai versamenti di Provincia e Comune ha accumulato l’anzianità e un tfr di circa 40 mila euro. Una volta eletto in Parlamento, a fine carriera, avrebbe potuto addirittura cumulare la pensione da dirigente in aspettativa con il vitalizio parlamentare. Per questo gli avevamo chiesto di dimettersi e Renzi lo ha fatto un mese fa. Un gesto che gli fa onore e che non era scontato. Non solo perché non c’era nessuna indagine, ma perché i grandi quotidiani non hanno mai ripreso le nostre notizie. Nessuno avrebbe mai incalzato Renzi sul suo piccolo privilegio pensionistico e il premier avrebbe potuto ignorare il nostro articolo senza alcun danno elettorale. Chissà se i grandi giornali daranno la notizia del bel gesto. Sarà divertente vedere come spiegheranno il periodo di aspettativa. Non quella di Renzi, ma la loro nel dare la notizia.

Il Fatto Quotidiano, 23 maggio 2014

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Announo, “Valgono un voto?”. Riguarda tutti i video della terza puntata

next
Articolo Successivo

Tv, il trionfo della cucina. Padelle e grembiuli invadono il piccolo schermo

next