C’è anche Vittoria, 23 anni, studentessa transessuale dell’Università di Catania, tra gli attivisti che oggi sono scesi in piazza nella giornata – promossa dall’Unione Europeacontro l’omofobia e la transfobia. “Ho deciso di espormi pubblicamente perché ci sono ancora troppi pregiudizi nei confronti dei gay e dei trans. Alcuni lo manifestano con le botte, altri con le parole, altri ancora negando i diritti”, racconta Vittoria, alle prese con le piccole e grandi difficoltà della vita quotidiana. “Della solidarietà ai piani alti non ce ne frega nulla, vogliamo i fatti, cioè più diritti” di Salvo Catalano

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata contro omofobia e transfobia: storie e anticorpi del nostro tempo

next
Articolo Successivo

Giornata contro l’omofobia: una casa editrice per famiglie omogenitoriali è un grande passo

next