Donatella Baglivo è la donna che ha soccorso Daniele De Santis salvandolo dal linciaggio dei tifosi napoletani a Tor di Quinto (Roma) dopo che lui aveva esploso alcuni colpi di pistola lasciando in fin di vita Ciro Esposito. “Buono e generoso d’animo, ma sappiamo che è fumantino”, racconta prima di ricostruire quei drammatici momenti: “Era tutto pieno di sangue, attorno c’erano gli ultras del Napoli con bastoni e spranghe. Quando loro sono scappati, convinti che stesse arrivando la Polizia, lo abbiamo portato dentro il cancello – afferma -, ma subito dopo sono tornati i tifosi e hanno continuato a picchiarlo”. Donatella è anche la persona che ha trovato la pistola usata presumibilmente da De Santis: “L’ho vista e l’ho buttata in un secchio”  di Tommaso Rodano e Alessio Schiesari

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Spari a Roma, gli zii del tifoso ferito grave: “Il primo a soccorrerlo Genny ‘a carogna”

prev
Articolo Successivo

Varese, debito con Equitalia e apre “Museo della crisi”: “Suicidio? La vita vale di più”

next