Dritan Demiraj, il panettiere albanese di 29 anni di Rimini che il primo marzo scorso uccise la ex compagna Lidia Nusdorfi alla stazione ferroviaria di Mozzate (Como), ha confessato oggi di avere ucciso anche l’ultimo fidanzato della donna, Silvio Mannina, 30 anni, bolognese. Di Mannina si erano perse le tracce proprio in corrispondenza della morte della Nusdorfi. Demiraj, arrestato un mese e mezzofa, è stato interrogato oggi nel carcere di Como. Secondo quanto ricostruito dalla Procura di Como, Mannina fu attirato a Rimini alla vigilia del delitto dall’attuale convivente di Demiraj, la riminese Monica Sanchi. Nelle intenzioni della coppia l’uomo avrebbe dovuto chiamare la Nusdorfi e fissarle un appuntamento in stazione a Mozzate, cosa che, si ipotizza, si sia però rifiutato di fare, pagando così con la morte. Con il suo cellulare in mano, Demiraj inviò poi un messaggio alla sua ex, riuscendo comunque a farla andare in stazione, dove la uccise. L’omicidio di Mannina sarebbe avvenuto nella cava del Lago Azzurro a Sant’Arcangelo di Romagna, dove il panettiere sarà accompagnato per indicare il luogo in cui si dovrebbe trovare il cadavere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, il prefetto di Pordenone vieta “Bella Ciao”. Poi fa marcia indietro

next
Articolo Successivo

Catania, “800mila euro al testimone antimafia”. Ma l’agenzia antiracket non paga

next