Il cinema americano degli anni ’60 e ’70 arriva a Milano con la rassegna “America: controcultura e nuova Hollywood“, organizzata dalla Fondazione Cineteca ItalianaIl ciclo di proiezioni, in lingua originale, si terrà dal 19 aprile al 4 maggio nella Sala Alda MeriniSpazio Oberdan della Provincia (Viale Vittorio Veneto 2). 

La rassegna mira a riscoprire, attraverso la cinematografia dell’epoca, gli Stati Uniti del fermento politico, sociale e culturale giovanile. L’America delle manifestazioni pacifiste, contro la guerra del Vietnam, contro la discriminazione razziale, a favore dei diritti delle donne e per l’emancipazione sessuale.

Aprirà il ciclo di incontri, sabato 19 aprile, alle 16.45, L’ultimo spettacolo di Peter Bogdanovich, tratto dall’omonimo romanzo di McMurtry. Uno spaccato del Texas degli anni ’50, raccontato attraverso la storia del giovane Sonny. Le proiezioni continueranno ogni pomeriggio e sera, fino a domenica 4 maggio. 

Fra i quindici titoli proposti, spiccano il documentario Sage of a New Generation (1969), del filosofo indiano Maharishi Mahesh Yogi, fondatore della tecnica della meditazione trascendentale, che come discepoli ebbe Mia Farrow ed alcuni dei Beatles, Free at Last (1968), un documentario sull’organizzazione e la realizzazione nel 1968 della marcia su Washington di Martin Luther King, e Lo spaventapasseri (1973), un ritratto impietoso degli Usa con i protagonisti dei giovani Gene Hackman e Al Pacino.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cinema: quelle sconosciute pellicole dall’ex Urss

prev
Articolo Successivo

La sedia della felicità, l’ultima e gioiosa opera di Carlo Mazzacurati – il trailer

next