Il maggior generale Jeffery Buchanan, comandante della giurisdizione in cui si era tenuto il processo a Chelsea Manning, ha confermato la condanna a 35 anni di reclusione. Manning è accusata di aver diffuso al sito di WikiLeaks informazioni segrete dell’esercito e del governo degli Stati Uniti. A metà agosto, il soldato Bradley Manning si era dichiarato transessuale e aveva chiesto di essere chiamato con il nome femminile di Chelsea.

Il distretto militare di Washington ha fatto sapere che Buchanan ha preso la decisione finale nel processo all’ex analista dell’intelligence. Manning era stata condannata ad agosto del 2013 per sei violazioni dell’Espionage Act e altri 14 capi d’accusa per aver diffuso oltre 700mila documenti riservati dell’esercito e del dipartimento di Stato mentre serviva in Iraq nel 2009 e 2010. In quanto comandante della giurisdizione in cui si era tenuto il processo, Buchanan poteva approvare o ridurre la condanna inflitta dal tribunale militare. La decisione del generale apre la strada a un ricorso automatico alla Corte d’appello penale dell’esercito. Secondo l’avvocato di Manning, la condanna è eccessiva se paragonata a simili casi in passato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ucraina, gli inaccettabili double standards della Nato

prev
Articolo Successivo

Nigeria, il risveglio di Boko Haram

next