Tom Sykes vince anche Gara 2 del Round di Aragon, secondo appuntamento stagionale, e completa la doppietta, la prima nel Mondiale Superbike 2014 e la quarta in carriera. Il pilota britannico della Kawasaki, nuovo leader della classifica con 75 punti, ha preceduto sul traguardo il compagno di squadra Loris Baz, con Marco Melandri, Aprilia Racing Team, ad occupare il terzo gradino del podio.

Sykes è stato di nuovo autore di una partenza perfetta, piazzandosi al vertice seguito da Baz e da Rea, con un gruppo compatto di sette piloti. Quando sembrava che il vincitore di gara 1 potesse nuovamente prendere il largo, Baz è tornato nei tubi di scarico della ZX-10R numero 1. I due piloti del Kawasaki Racing Team sono stati però raggiunti, nel corso del quattordicesimo giro, da un Melandri in rimonta, che ha provato ad inserirsi nella lotta per il successo nell’ultima parte di gara. A due giri dal termine Melandri ha sopravanzato Baz, dopo che il francese aveva provato ad avere la meglio, senza successo, sul compagno di squadra Sykes. Il ravennate ha poi cercato di passare anche il campione in carica, finendo però lungo alla curva 16 e perdendo così anche la seconda posizione.

Quarto posto invece per l’altro pilota ufficiale Aprilia, Sylvain Guintoli, seguito da Jonathan Rea, Pata Honda World Superbike, Eugene Laverty, Voltcom Crescent Suzuki, Davide Giugliano, Ducati Superbike Team e Leon Haslam, Pata Honda World Superbike. Quest’ultimo vincitore di una bella sfida nel finale con il nono classificato Toni Elias, Red Devils Aprilia. David Salom, Kawasaki Racing Team, ha invece avuto la meglio nella battaglia della classe EVO, tagliando il traguardo in decima posizione davanti a Niccolò Canepa, Althea Racing Team Ducati e Leon Camier, BMW Motorrad Italia Superbike Team. Poco dopo aver fatto segnare il giro più veloce della gara, Chaz Davies, Ducati Superbike Team, è uscito mestamente di scena a causa di una scivolata alla curva 5, nel corso del quarto giro della corsa. Cadute anche per Alex Lowes, Voltcom Crescent Suzuki e Claudio Corti, MV Agusta RC – Yakhnich Motorsport, mentre Christian Iddon, Bimota Alstare si è dovuto arrendere ad un problema tecnico.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parigi-Roubaix, ci vorrebbe un Cancellara italiano

prev
Articolo Successivo

Serie A, risultati e classifica: la Roma chiama, Napoli e Fiorentina rispondono

next