Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) si è aggiudicato la prima Tissot-Superpole europea della stagione, sul circuito spagnolo di Aragon, grazie al tempo di 1’56.479 registrato nel secondo ed ultimo turno. Per il Campione del Mondo in carica si tratta della ventesima partenza dalla pole position in carriera nel Campionato Mondiale eni FIM Superbike. La battaglia per la prima casella dello schieramento di partenza, per le due gare in programma domani, si è accesa a due minuti dalla fine, quando alcuni dei protagonisti sono tornati in pista con gomma da tempo per cercare di scalzare dalla prima posizione Chaz Davies (Ducati Superbike Team), scivolato poco prima alla curva 12. Dopo un primo acuto del leader della classifica (Aprilia Racing Team), i piloti del Kawasaki Racing Team, Tom Sykes e Loriz Baz, sono saliti in cattedra, terminando rispettivamente al primo ed al secondo posto.

Con Guintoli relegato alla terza posizione, la seconda fila verrà aperta domani da Davide Giugliano (Ducati Superbike Team), affiancato da Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) e dal già citato Davies. Settimo posto per l’altro pilota ufficiale Aprilia, Marco Melandri, seguito dalla coppia Voltcom Crescent Suzuki, con Eugene Laverty davanti ad Alex Lowes, e dal pilota di casa Toni Elias. Buon undicesimo posto per il primo pilota EVO, ed ultimo a qualificarsi alla Superpole 2, Leon Camier (BMW Motorrad Italia Superbike Team), sostituto dell’infortunato Sylvain Barrier ed al debutto stagionale. Il britannico, alla sua prima esperienza in sella alla BMW S 1000 RR, è stato inoltre autore di una scivolata senza conseguenze negli istanti conclusivi del turno. Caduta nelle fasi iniziali della Superpole 2 per Leon Haslam (Pata Honda World Superbike), dodicesimo al termine, che ha vanificato gli sforzi compiuti dal pilota inglese fino ad ora nel weekend. Il figlio d’arte aveva mostrato notevoli progressi in sella alla sua CBR1000 Fireblade SP, arrivando fino al quarto posto nella quarta sessione di prove libere disputata ad inizio pomeriggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

MotoGp, la telecronaca di Sky: Rossi c’è, Meda no. La rivolta su Twitter

prev
Articolo Successivo

Moto Gp Texas, qualifiche: Marquez in pole, poi Pedrosa. Sorpresa Bradl, 6° Rossi

next