In piazza nonostante la pioggia, per chiedere una “Taranto libera” dai veleni, dalla malapolitica e dai decreti che consentono alle fabbriche di continuare a inquinare liberamente. Nel nuovo corteo, organizzato dalla testata online cosmopolismedia.it partito dal comune di Statte e giunto fino al punto in cui si incontrano i cancelli della fabbrica e quelli di una discarica, c’erano ambientalisti, famiglie, associazioni, scout e gruppi provenienti da altre città d’Italia per manifestare il proprio sostegno a chi non vuole più scegliere tra salute e lavoro. “La vita prima di tutto” ha detto il vescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, in un convegno poche ore prima della marcia. Un messaggio che segna la discontinuità con l’atteggiamento che la chiesa ionica ha avuto in passato con le emissioni della fabbrica. Da qui, secondo Alessandro Marescotti, può cominciare un percorso condiviso, nel pieno rispetto “della pluralità dei propri punti di vista”  di Luigi Piepoli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Livorno, ‘rigassificatore forse opera strategica’. Così le bollette saranno più care

prev
Articolo Successivo

Porto Tolle, conviene avere un impianto che cattura emissioni di CO2?

next