In piazza nonostante la pioggia, per chiedere una “Taranto libera” dai veleni, dalla malapolitica e dai decreti che consentono alle fabbriche di continuare a inquinare liberamente. Nel nuovo corteo, organizzato dalla testata online cosmopolismedia.it partito dal comune di Statte e giunto fino al punto in cui si incontrano i cancelli della fabbrica e quelli di una discarica, c’erano ambientalisti, famiglie, associazioni, scout e gruppi provenienti da altre città d’Italia per manifestare il proprio sostegno a chi non vuole più scegliere tra salute e lavoro. “La vita prima di tutto” ha detto il vescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, in un convegno poche ore prima della marcia. Un messaggio che segna la discontinuità con l’atteggiamento che la chiesa ionica ha avuto in passato con le emissioni della fabbrica. Da qui, secondo Alessandro Marescotti, può cominciare un percorso condiviso, nel pieno rispetto “della pluralità dei propri punti di vista”  di Luigi Piepoli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Livorno, ‘rigassificatore forse opera strategica’. Così le bollette saranno più care

next
Articolo Successivo

Porto Tolle, conviene avere un impianto che cattura emissioni di CO2?

next