Cerimonia nel paese alle porte di Milano per la consegna all’associazione di Don Luigi Ciotti della villa un tempo di un trafficante legato a Cosa nostra. Nasce così ‘Libera casa’, luogo dove si svolgeranno appuntamenti e iniziative antimafia dedicato al sindaco di Pollica Angelo Vassallo, ucciso da un commando criminale nel settembre del 2010. “Questo è il simbolo che il cambiamento è possibile – ha detto Don Ciotti – obiettivo per il quale tutti devono sentirsi mobilitati”  di Fabio Abati

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Don Ciotti: “Lotta alla mafia? Riformare Agenzia nazionale Beni confiscati”

prev
Articolo Successivo

Arese, monta la protesta per il maxi centro commerciale nell’area ex Alfa Romeo

next