“Il governo italiano rispetta tutti gli impegni che ha con l’Europa, ma dobbiamo fare in modo che l’Europa sia l’Europa dei popoli e dei cittadini e non solo dei vincoli“. Così il premier Matteo Renzi, parlando questo pomeriggio alla conferenza internazionale ”Il valore dell’Europa” che si è svolto alla Camera dei Deputati alla presenza, tra gli altri, di Romani Prodi e del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ha risposto alle dichiarazioni rilasciate questa mattina dal commissario Ue agli Affari economici Olli Rehn secondo cui l’Europa “accoglie con favore le riforme annunciate dal presidente del Consiglio italiano, ma ricorda l’importanza di rispettare le regole del patto di stabilità, cioè con il pareggio in termini strutturali e di essere in regola con la regola del debito“. Renzi ha, quindi, spiegato che: “Dobbiamo rivolgerci al passato come granitico punto di riferimento, ma non dobbiamo avere paura di scrivere una pagina significativa e dire che il futuro che ci riguarda lo vogliano costruire e non subire”, citando il segretario generale Dag Hammarskjold”  di Manolo Lanaro

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La vignetta del giorno: Il piano economico

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, le promesse di Renzi e la miseria in Italia

next