E’ un Roberto Formigoni (senatore Ncd) sorridente, quello che oggi a Milano passeggia per le vie del centro godendosi l’anticipo di primavera. Per nulla affranto dal recente rinvio a giudizio per corruzione e associazione a delinquere, si mette addirittura a ridere quando si parla di politica. “Berlusconi muore dalla voglia di far parte di questa maggioranza”, scandisce sornione. “Si è accorto con suo grande rammarico che abbattere un governo di necessità ha significato andare incontro al vuoto”. E sugli accordi tra il premier Matteo Renzi (Pd) e il leader di Forza Italia rincara la dose: “Sarà una bella lotta: chi è più furbo tra il Caimano e Renzi? Berlusconi pensa di essere lui il più furbo, e forse ha ragione. Ma sta anche rischiano, perché nel frattempo sdogana Renzi di fronte al suo elettorato di centrodestra”. Insomma, i tanto chiacchierati tavoli a latere tra renziani e berluscones, questo il pensiero del senatore di Ncd, stanno portando frutti solo al premier: “Non vorrei che tornati alle urne Berlusconi si trovasse di fronte a un’amara sorpresa”. Prima di salutare augurando a tutti un buon venerdì grasso, Formigoni regala un siparietto in onore dei vecchi tempi: “Questo è un pantalone in stile formigoniano”, spiega riferendosi ai jeans che indossa, e racconta: “Li ho messi al concerto dei Metallica, sapete che a me piace il rock duro, vero?”  di Franz Baraggino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Paolo Sisto: “Forza Italia è contro le quote rosa perché uccidono la meritocrazia”

next
Articolo Successivo

M5s, la dimissionaria Bencini: “Caro Beppe, se riscriviamo le regole io resto”

next