Editoriale di Michele Santoro che apre la nuova puntata di Servizio Pubblico, sulle note di “A far l’amore comincia tu” di Raffaella Carrà, con la menzione dell’Oscar a Paolo Sorrentino per il suo “La grande bellezza”: “Sorrentino non solo ha cominciato a far l’amore, ma è andato anche fino in fondo. Lui è uno dei pochi geni in circolazione, ma ora stiamo esagerando. Ora sono tutti grande bellezze: Marchionne, Franceschini, D’Alema, Berlusconi, Monti”. E aggiunge: “Non c’è più il senso collettivo che c’era in Italia dopo la guerra. Siamo diventati tutti un po’ Andreotti. Sorrentino ha dedicato l’Oscar a Martin Scorsese? Ma Scorsese chi? I sciuscià e i ladri di biclette essere dimenticati per far posto all’ottimismo”. Il giornalista osserva: “Il film di Renzi, invece, è tutto da scrivere. La politica è tutto un sogno, speranza, scommessa. E quando si comincia seriamente a far l’amore, Matteo? Bla bla bla, a far l’amore comincia tu”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Di Battista (M5S): “Questo Palazzo è una vasca di squali”

next
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, Emiliano (Pd): “Anche io mi sento in guerra da molti anni”

next