“Poveri ma belli”, è questo il titolo della puntata di Servizio Pubblico, il programma di Michele Santoro in onda giovedì 6 marzo, alle 21.10 su La7. Ospiti in studio i parlamentari del Movimento 5 Stelle Carla Ruocco e Alessandro Di Battista, il sindaco di Bari ed esponente di punta del Pd, Michele Emiliano e l’imprenditore Alfio Marchini, che si confronteranno su quale sia la strada migliore per il Paese deve percorrere per allontanarsi dal baratro.

L’Oscar al film “La Grande Bellezza” di Paolo Sorrentino ha ridato un po’ di ottimismo all’Italia e alla politica, per una vittoria in tempi di crisi e dopo anni di sacrifici. Anche l’arrivo di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, con l’impegno a cambiare il Paese, ha acceso speranze negli italiani per un mutamento. Ma basteranno queste speranze per fare dell’Italia una grande bellezza? Perché, mentre l’Italia trionfa a Hollywood, dall’Unione Europea arriva una doccia fredda. La Commissione ha retrocesso l’Italia, causa scarsa produttività e squilibri macroeconomici eccessivi, mentre il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo sottolinea con forza, quella di Renzi “è la politica del dire senza fare o far finta di fare”. I problemi da risolvere per il premier sono tanti: l’economia ancora in difficoltà, la disoccupazione che cresce, Roma, la nostra capitale, salvata da un decreto e con le strade dei marciapiedi pieni di buche. E poi la burocrazia, la pressione fiscale, la crisi dei piccoli imprenditori e delle partite Iva. E l’austerità, che sembra essere l’unica ricetta dell’Europa e soprattutto della Germania di Angela Merkel.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar: la grande vuotezza

next
Articolo Successivo

La Gabbia, scontro Paragone – Barnard. E l’economista chiude: “Può affogarsi”

next