È caccia al giovane uomo, forse italiano, per l’omicidio di una donna di 35 anni, a Mozzate (Como) nel sottopassaggio della stazione. Secondo una prima ricostruzione la vittima, originaria di Rimini e da pochi mesi residente in zona, era appena scesa dal treno proveniente da Milano delle 19.30 e stava scendendo nel sottopassaggio quando è stata aggredita da un uomo, che l’ha assalita alle spalle colpendola più volte con un oggetto appuntito al torace e alla gola. L’aggressore è poi fuggito. Nonostante i soccorsi siano arrivati tempestivamente, la vittima è morta dissanguata.

Secondo gli inquirenti, la dinamica non lascia pensare a un’aggressione a scopo di rapina, la matrice del delitto potrebbe quindi essere passionale. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Cantù. Secondo una prima ricostruzione degli investigatori Lidia Nusdorfi, stava raggiungendo il parcheggio all’esterno dello scalo ferroviario quando è stata aggredita. Le immagini del circuito di videosorveglianza potrebbero dare un volto al killer. Gli investigatori hanno scoperto che la vittima aveva un appuntamento in stazione. Il particolare è stato rivelato dai carabinieri, secondo i quali l’aggressione è stata quindi mirata e non casuale, come dimostrerebbe la stessa dinamica di quanto accaduto.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marò, la figlia di Latorre e la partecipazione al Grande Fratello: “Tutto falso”

prev
Articolo Successivo

Pompei, ancora due crolli. Franceschini convoca riunione d’emergenza

next