Quell’accusa gli è costata la carriera politica. Ma adesso il tribunale di Hannover ha prosciolto l’ex presidente tedesco Christian Wulff dalle accuse di corruzione, che nel 2012 lo costrinsero alle dimissioni. Secondo la tesi dell’accusa, Wulff, uno degli astri nascenti della Cdu del cancelliere Angela Merkel, aveva accettato favori da un amico imprenditore nel 2008, quando all’epoca ricopriva la carica di premier della Bassa Sassonia, in cambio di un’azione di lobby a suo favore. Si è trattato del primo processo contro un capo di stato democraticamente eletto in Germania.

L’unico precedente risaliva al processo al quale fu sottoposto a Norimberga l’ammiraglio Karl Doenitz, successore di Adolf Hitler alla guida dello stato tedesco. “Non ho mai avuto dubbi” sull’esito del processo. Questo il primo commento di Christian Wulff. “Sono molto sollevato”, ha aggiunto il politico 54enne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ue contro referendum Svizzera: “Gli studenti elvetici esclusi dall’Erasmus”

prev
Articolo Successivo

Inflazione: la Bce cerca di spiegarla con un giochino

next