La cittadella di Maidan assediata tra i fumi che si innalzano dalle barricate di pneumatici bruciati e colpi di fucile dei cecchini è il segnale visibile che la tensione tra regime e opposizione è ormai esplosa in guerra civile diffusa. La fortezza eretta da novembre dagli oppositori pro-europei al presidente filo-russo Yanukovich è il muro che divide l’Ucraina in due: l’ovest più vicino alla Ue e l’est (da dove viene il despota alleato di Putin) anche demograficamente più vicino alla Russia.

Cento e più morti, centinaia tra feriti e dispersi, storie di singoli individui che confluiscono nel mosaico dei social network che compongono l’immagine della battaglia di Kiev che ogni giorno moltiplica la sua ferocia.

Nel dicembre di 10 anni fa la “rivoluzione arancione” portò l’Ucraina alla ribalta del mondo, come uno dei paesi sotto la cappa comunista che risorgeva alla democrazia con il volto attraente incorniciato dalle trecce di Yulia Thimoshenko. Dieci anni dopo la rivolta di Maidan rivela quanto fragile e incompleta sia stata quella svolta apparsa così “trendy” all’Occidente. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tokyo, censura al museo. ‘Qui non si fa politica’

next
Articolo Successivo

Lingua madre: nelle nostre lingue, c’è il nostro futuro

next