“Per protesta contro la staffetta Letta – Renzi, restituiamo le tessere elettorali. Tanto per il momento non ci servono”. Un gruppo di attivisti del Pd vicini a Pippo Civati contesta davanti la sede nazionale del partito a Roma quello che definiscono “un colpo di mano di Renzi”. “La soluzione migliore era quella di approvare la legge elettorale e andare al voto, gli uomini soli al comando sono deleteri”. “Dove è la differenza fra Letta e Renzi se la maggioranza è la stessa?”, si chiede un tesserato. “E’ una mossa che, oltre a far perdere voti al partito, non risolve i problemi del paese”. “Civati – spiega un membro del Pd – ha lanciato ieri la provocazione di creare il ‘nuovo centrosinistra‘ con dodici deputati. Tanti ci chiedono perchè restiamo ancora in questo partito, ma noi non vogliamo andar via, vogliamo cambiare il Pd dall’interno”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Colle, Zanda (Pd): “Per noi impegno forte per governo che arrivi al 2018”

prev
Articolo Successivo

Pd, circolo commissariato perché si rifiuta di rinnovare le tessere a chi non paga

next