Ligabue salirà sul palco di Sanremo 2014. Quella annunciata da Fabio Fazio e dal suo entourage questa mattina è una notizia simbolicamente storica. Il rocker di Correggio, oltre a non aver mai cantato durante il festival della canzone italiana, non era nemmeno mai stato molto tenero nei suoi confronti, non ultima la dichiarazione del febbraio 2011 quando dal teatro Bellini di Napoli commentò: “L’impressione è che a Sanremo ultimamente ci si concentri un po’ troppo sui sederi delle presentatrici e troppo poco sulla musica”.

La prima volta in assoluto del Liga sul palco dell’Ariston potrebbe coincidere con la serata dedicata al Premio Tenco, rassegna a cui Ligabue ha partecipato in passato, che il presentatore ligure di Che tempo che fa ha già annunciato per il 21 febbraio. I due mondi delle kermesse festivaliere poeticamente e commercialmente piuttosto distanti si sovrapporranno per una sera intitolata Sanremo Club. Che il rocker reggiano si presenti quella sera o addirittura nella serata conclusiva di sabato non è ancora stato svelato. Come ancora non si sa quali saranno i brani suonati – c’è chi giura che si sta preparando un omaggio a Fabrizio De André – e con chi li eseguirà.

“Voglio ringraziare di tutto cuore Luciano Ligabue – ha spiegato Fabio Fazio in un comunicato – che per la prima volta sarà ospite a Sanremo, nella serata finale del Festival. Considero la sua partecipazione un segno di stima e di amicizia. È una scelta bella e importante che un artista di questo spessore incontri il pubblico vastissimo del Festival. Lo aspettiamo con entusiasmo, porterà un contributo potente e originale, che sarà essenziale al nostro racconto. Grazie Liga!”.

Ancora nessun commento sulla pagina Facebook e Twitter del rocker reggiano, ma i suoi fan cominciano a rumoreggiare. Si va dai commenti nostalgici (“Ci mancava solo #Sanremo2014 per #Ligabue ..la chicca per il definitivo passaggio al #pop ..mi manca #lambruscoepopcorn”) a quelli ironici (“#Ligabue sarà ospite a #sanremo2014 per dimostrare che sei veramente famoso solo se non partecipi”), passando a quelli più di cronaca (“#Ligabue a #Sanremo2014 è qualcosa di inimmaginabile per uno come lui che l’ha sempre (velatamente) disprezzato”).

Un disprezzo mai troppo esibito, ma piuttosto palese, come spiegò il cantante stesso due anni fa dal palco napoletano: “Venti anni fa, dopo il successo del primo singolo dell’album di esordio (Balliamo sul mondo, ndr), mi chiamano i discografici e dicono: “Dobbiamo andare a Sanremo”. Ed io: “Certo. Andateci!”. Poi ancora sempre nel 2011: “Non ho nulla contro Sanremo perché ha lanciato grandissime canzoni nel panorama musicale italiano. Bisognerebbe lasciare spazio ai giovani: il Festival è una grande vetrina nonché una delle poche vere occasioni per i ragazzi emergenti. Io poi, personalmente, amo fare musica in modo rilassato, sono quindi contento di aver evitato quel palco, se sei in gara c’è troppa pressione su di te”.

In attesa che il 30 maggio prossimo parta il tour Mondovisioni, da venerdì 14 febbraio uscirà il video di “Per sempre”, terzo singolo tratto dall’ultimo album di Ligabue Per l’occasione il video sarà proiettato in anteprima, e prima dell’inizio degli spettacoli in programma in tutte le 447 sale digitali di UCI Cinemas. I videoclip è stato diretto da Cosimo Alemà e come ha detto lo stesso Liga nel “Diario Di Bordo” pubblicato su Ligachannel, il video “sarà un omaggio al cinema”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Addio Freak Antoni: ‘Ero un ribelle, mamma’

next
Articolo Successivo

Aldrovandi, Governo dice dove sono in servizio gli agenti. Mamma: “Non basta”

next