Il 1° Febbraio 1945, poco prima della conclusione della seconda guerra mondiale, il secondo governo Bonomi – su proposta di Palmiro Togliatti e Alcide De Gasperi – introduceva in Italia il suffragio universale. Da quel luminoso giorno, abbiamo assistito – maschi e femmine finalmente tutti uguali – a un’incessante alternanza di riforme elettorali e alla ricerca di relativi nomi esotici per onorarne l’ideatore (il Tatarellum per Tatarella, il Mattarellum per Mattarella, il Porcellum per Calderoli).

Oggi, a distanza di 69 anni, la discussione avvampa di nuovo e Rosa depone il suo ricordo per raccontare quanto sia difficile, da sempre, veder realizzato il diritto fondamentale di ogni cittadina e di ogni cittadino: essere e sentirsi veramente liberi dentro alla cabina elettorale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge elettorale, M5S squadristi? Almeno fanno opposizione

next
Articolo Successivo

Grillo: “Boldrini miracolata, se ne vada. I partiti? Accarezzateli, sono morti”

next