Rabbia e malumore davanti ai cancelli della Electrolux di Porcìa, lo stabilimento in provincia di Pordenone dove da questa mattina i lavoratori sono in sciopero contro la proposta dell’azienda di tagliare gli stipendi fino al 40% al fine di mantenere la produzione dei quattro siti italiani. “Una proposta irricevibile”, tuonano gli operai, che se la prendono anche con i sindacati: “Basta parole, dov’eravate in questi anni?”. I rappresentanti sindacali hanno faticato a tenere uniti i lavoratori in attesa del tavolo convocato domani pomeriggio, al quale prenderà parte anche un rappresentante del governo. La fiducia è ai minimi e molti spingono per portare la protesta direttamente a Roma, sotto i palazzi della politica  di Franz Baraggino

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Electrolux, guerra sui salari. Azienda: “No a dimezzamento, riduzione di 130 euro”

prev
Articolo Successivo

Electrolux, gli operai stranieri: “Siamo diventati italiani, ma toccherà emigrare”

next