Altri cinque indagati e ora rischia anche il ministro. L’inchiesta di Benevento non è finita. Tutt’altro. Secondo Repubblica siamo a un punto di svolta. I nomi non sono noti, ma la titolare dell’Agricoltura Nunzia De Girolamo rischia di finire oggetto degli accertamenti di magistrati e fiamme gialle. Mentre la polemica politica non accenna a placarsi (le richieste di dimissioni così come le difese d’ufficio si moltiplicano), cinque componenti del cosiddetto “direttorio” beneventano insediato sotto la guida dell’esponente del Nuovo Centrodestra finiscono nel registro degli indagati. Le nuove ipotesi di reato vanno dall’associazione per delinquere all’abuso e alla turbativa d’asta. Il ministro, come noto, non è indagato. Ma le indagini della Procura (anche su indicazione di un gip) si sono concentrate proprio su quel cerchio ristretto di esponenti politici del quale faceva parte anche l’allora coordinatore provinciale del Pdl, cioè la De Girolamo. Insieme a lei due fedelissimi, Giacomo Papa e Luigi Barone, oggi nel gabinetto del ministero per le Politiche Agricole, l’attuale manager dell’Asl Michele Rossi, il direttore sanitario Michele Ventucci e lo stesso Felice Pisapia, il grande “accusatore” e autore delle registrazioni illegali che hanno messo nei guai (politici) il ministro: “Mandagli i controlli e vaffanculo” diceva. Al tribunale del Riesame intanto sono state depositate altre telefonate registrate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Abu Omar, Consulta sul segreto di Stato dà ragione al governo. Il processo retrocede

next
Articolo Successivo

Rifiuti Roma, Cerroni: dai bonifici alle fondazioni ai “contatti” con Fioroni e Realacci

next