Unicredit avvia le pulizie di primavera e si disfa di un po’ di prestiti ai consumatori di difficile riscossione. La banca di Federico Ghizzoni ha infatti venduto agli americani di Cerberus european investments un portafoglio di crediti italiani non garantiti e in sofferenza, ovvero quelli la cui riscossione è a rischio, derivanti da contratti di credito al consumo e prestiti personali.

Il controvalore del pacchetto è di circa 950 milioni di euro, al lordo delle rettifiche di valore, cioè delle perdite, che saranno rese note alla fine del primo trimestre 2014, visto che l’operazione sarà perfezionata il prossimo 28 febbraio con il relativo impatto economico finanziario sui conti dell’istituto che ha una zavorra di crediti problematici netti di 46 miliardi di euro. La cessione, quindi, è solo la prima di una lunga serie, finalizzata al rafforzamento del profilo di credito della banca. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Carige, Fondazione alle prese con problema liquidità tra prestito Mediobanca ed erogazioni

prev
Articolo Successivo

Energia elettrica, nel 2014 aumento dello 0,7% per coprire agevolazioni alle imprese

next